Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Pierrot - Venice Museum Le Maschere Classiche del Carnevale

da TuscanyAll 1 Febbraio 2013, 14:26 Venice Museum

Pierrot è una maschera nata in Italia verso la fine del Cinquecento.

Il nome di Pierrot è un francesismo che deriva dal personaggio italiano della commedia dell'arte, uno dei primi Zanni: Pedrolino interpretato, nella celebre Compagnia dei Gelosi, da Giovanni Pellesini alla fine del Cinquecento.

Il personaggio fu portato in Francia, dove entrò a far parte dei repertori delle Compagnie francesi con il nome di Pierrot grazie all'apporto di Giuseppe Geratoni che per primo lo introdusse nel 1673; ma il primo grande Pierrot fu ancora un italiano Fabio Antonio Sticotti (1676-1741), in seguito il personaggio fu perfezionato dal figlio Antonio-Jean Sticotti (1715?-1772) che lo esportò anche in Germania.pierrot.jpg

Gli Sticotti reinventarono e diedero nuova vita a questo personaggio adattandolo al gusto dei francesi e poi del pubblico delle corti europee, infatti nella versione francese Pierrot perse le caratteristiche di astuzia e doppiezza proprie dello Zanni per diventare il mimo triste innamorato della luna quello che compare con il nome di Gilles nel celebre quadro di Antoine Watteau.

Il Pierrot Paul Legrand, mimo dell'Ottocento.

Il mimo Jean-Gaspard Debureau (1796-1846), rappresentò il Pierrot ottocentesco dal 1826 al Théâtre des Funambules. La vita di Debureau ispirò al regista cinematografico francese Marcel Carné il personaggio di Baptiste del film Les enfants du Paradis

Debureau definì le caratteristiche che in seguito ne definirono l'iconografia: un ampio abito bianco con bottoni neri e un piccolo cappello nero sul viso dipinto di bianco.

 

Biglietti Musei Venezia

Ingresso Musei Venezia

Hotel Venezia

Galleria dell'Accademia Venezia

Palazzo Ducale Venezia

Itinerari segreti Venezia

Ca Rezzonico venezia

Ca D'Oro Venezia

Museo Correr Venezia

Mappa Venezia

facebook.com/Tuscanyall.comTourOperator

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

commenti

Vai su